Home Page
Il Gioco dell'Oca di Mirano | San Martino e la Festa dell'Oca | Il Grande Gioco dell'Oca in Piazza
Programma 2017 | Edizioni precedenti | Fiera de l'Oca del '900 | Mirano | Pro Loco Mirano
Altre Manifestazioni | Altri giochi | Ospitalità & Ristoranti | Informazioni & Foto | Ricerca | Mappa
   Albo d'oro    Edizione 2016    Edizione 2015    Edizione 2014    Edizione 2012   
   Edizione 2011    Edizione 2010    Edizione 2009    Edizione 2008    Edizione 2005   
   Edizione 2001   

XI edizione. 16 Novembre 2008

La prima vittoria di Scaltenigo!

La XI Edizione del Zogo de l’oca in Piazza si è conclusa, dopo una lunga serie di sfide e di colpi di scena, con la vittoria degli arancioni di Scaltenigo, che mai erano riusciti nell’impresa.

Notevole è stato l’afflusso di pubblico sia italiano che straniero, in particolar modo francese, vista la partecipazione al gioco della squadra di Ugine, l’ospite che ha sfidato le compagini locali. L’intero weekend ha accolto un numero record di visitatori registrando circa 50.000 presenze, e 1.300 spettatori paganti per il gioco in piazza, evento principale della manifestazione.

Il Zogo de l’oca è per Mirano un momento magico, una vetrina internazionale in cui vengono promosse la città e le sue risorse turistiche. La piazza, vestita a festa, ha accolto i turisti, come ogni anno, tra musiche, giochi e spettacoli di strada, mentre le bancarelle tipiche, disposte lungo le vie del centro, offrivano esclusivamente prodotti legati all’oca.

L’evento è curato nei più piccoli particolari, nell’attenta ricostruzione storica e nella ricerca dei costumi - apparentemente semplici, ma rigorosamente fedeli nei modelli e nei tessuti agli originali di inizio ‘900 - , così come nell’arredo della Piazza e del Mercato (l’Ocarìa, ricostruzione di un tradizionale mercatino dell’epoca).

Oltre al Zogo che si svolge la domenica, altri eventi collaterali arricchiscono la festa: la competizione riservata ai bambini, il concorso “Miss Oca” per i pennuti più belli, il Palio dell’oca (gara di corsa). Era inoltre presente in città, durante i giorni della fiera, la fotoreporter e giornalista inglese Anne Conway, che ha tenuto un workshop fotografico aperto a professionisti e dilettanti.
In questa occasione, è stato presentato il libro “Mirano e l’oca”, realizzato in occasione del decennale del Zogo.

Questo libro è un originale incontro tra immagini del presente e parole del passato. Grazie alle foto di un giovane fotografo miranese, Tommaso Saccarola, scattate nella precedente edizione come un vero e proprio reportage, racconta la due giorni del Zogo e della Fiera dell’Oca: le giornate di festa, ovviamente, con il loro caleidoscopio di colori e suggestioni, ma anche il “dietro le quinte”, per dare il giusto tributo al grande lavoro di decine di volontari che ogni anno, con grande passione e dedizione, permettono lo svolgimento di questa splendida manifestazione.
Grazie, inoltre, alle parole di una delle più grandi penne del giornalismo veneto, vicedirettore del Gazzettino e profondo conoscitore delle nostre terre: Edoardo Pittalis, il libro ripercorre la vita di Mirano lungo tutto il ‘900; partendo dai primi anni del secolo scorso, il periodo storico in cui il Zogo è ambientato, sino ai nostri giorni. Con un certosino lavoro d’archivio, Pittalis ha ripercorso un intero secolo di Mirano, riportando a galla episodi più o meno noti, ricreando l’atmosfera di ogni singolo decennio, fissando nelle parole quello che è un vero e proprio patrimonio di cultura popolare.

Da sempre la festa richiama l’attenzione dei media: RAI UNO e RAI TRE hanno mandato in onda degli speciali sulla manifestazione miranese dandole visibilità nazionale, mentre SKY ha addirittura trasmesso l’intero evento in diretta. Anche la stampa ha seguto con interesse la manifestazione, a cui sono state dedicate pagine su quotidiani locali e riviste nazionali.
Il Zogo, non è dunque una manifestazione fine a se stessa, ma piuttosto il momento culminante di una più ampia festa popolare ricca di attività ed intrattenimenti. Per quanto riguarda la gastronomia, l’oca è leitmotiv durante l’intero mese: tutti i ristoranti del territorio propongono, in questo periodo, ricercati menù a base d’oca, attirando quel turismo enogastronomico che è diventato un comparto economicamente importante del turismo stesso. Ciò ha portato un diretto beneficio anche all’agricoltura del territorio in quanto si è reintrodotto, in molte fattorie, l’allevamento delle oche per far fronte alla grandissima richiesta.

Questa manifestazione, inoltre, ci ha permesso di riscoprire un passato che vive ancora in mezzo a noi e di ricreare quei momenti di vita che non sono “sorpassati”, ma solo dimenticati. Tutto ciò è stato possibile grazie anche al dialogo tra anziani e bambini, che ha permesso di recuperare quelle testimonianze della cultura orale che, in una realtà individualistica come la nostra, si vanno sempre più perdendo. Ed è proprio dal rinato interesse per le tradizioni che nasce il successo del Zogo de l’Oca, che per qualche giorno trasforma il nostro paese in una cittadina d’altri tempi.



Torna indietro alla pagina precedente - (Edizioni precedenti - Edizione 2009) Vai su all'inizio della pagina Vai avanti alla pagina successiva - (Edizioni precedenti - Edizione 2005)



   Albo d'oro    Edizione 2016    Edizione 2015    Edizione 2014    Edizione 2012   
   Edizione 2011    Edizione 2010    Edizione 2009    Edizione 2008    Edizione 2005   
   Edizione 2001   

Vai alla mappa del sito

© 2001-2017 & photo by Proloco Mirano
graphics & design by Carlo Preti
privacy