Home Page
Il Gioco dell'Oca di Mirano | San Martino e la Festa dell'Oca | Il Grande Gioco dell'Oca in Piazza
Programma 2017 | Edizioni precedenti | Fiera de l'Oca del '900 | Mirano | Pro Loco Mirano
Altre Manifestazioni | Altri giochi | Ospitalità & Ristoranti | Informazioni & Foto | Ricerca | Mappa
   Altri giochi    Mostra dei giochi dell'oca    Mostra "Carlo Preti & l'oca"   
   Sogni di Seta – la moda della Belle Epoque    Il Tabarro in mostra    Saluti da Mirano   
   Il crollo del Campanile di Venezia    gioOCHErellando con il mondo di Carlo Preti   
   Il Gioco dell'Oca da Venezia... nel Mondo   

Giocherellando con il mondo di Carlo Preti

dal 3 al 18 Novembre 2012 in Villa Morosini-XXV Aprile
da martedì a venerdì: 15.30 - 18.00
sabato e domenica: 10.00 - 12.30 15.00 - 18.00
inaugurazione: sabato 3 novembre 2011, ore 18.00


Nella ricorrenza dei dieci anni dalla sua scomparsa, nelle sale di Villa Morosini – XXV Aprile – sarà allestita una retrospettiva delle opere di Carlo Preti, l’autore del Zogo de l’Oca de Miran.

C’era una volta un pittore che viveva nella città più dipinta del mondo,Venezia.
Ma lui decise che era molto più bella Mestre, la città vicina.
Vicino a Mestre c’era Marghera, lì non c’erano palazzi o cattedrali, come a Venezia, ma fabbriche, gru, cisterne e bidoni, tanti bidoni. E poi i semafori, quanto erano belli i semafori con il loro sguardo seducente.
Vicino a Mestre c’era Mirano, con una bellissima piazza per giocare un bellissimo gioco, il gioco dell’oca!

Questa potrebbe essere la fiaba di Carlo Preti.
La realtà è l’apparire sulla scena artistica veneziana di un nuovo pittore e grafico all’inizio degli anni Settanta del Novecento, che sorprende subito per la maturità e la compiutezza della sua opera, dalla cifra stilistica inconfondibile.

In lui si trovano felicemente uniti il gusto della rappresentazione, anche astratta, caratteristica del pittore, con l’essenzialità del tratto, propria del grafico. Nella sua produzione si coglie la grande lezione degli artisti che hanno segnato il cammino figurativo, a partire dal magistero del colore tipico di Venezia e l’inclinazione narrativa del Carpaccio.

Il primo soggetto con cui Carlo si impone sono i bidoni, che inequivocabilmente alludono al barattolo del Tomato Campbell’s, che assieme al ritratto a colori di Marylin Monroe rappresenta l’immagine più nota della pop art. Se la pop art tende alla serializzazione, anche per denunciare la deriva mercantile della società, opposta è la ragione che muove Preti: recuperare quanto la produttività industriale considera rifiuto per renderlo degno di attenzione, perché uscito da mani operose.

Il passaggio successivo è riattivare la dimensione fantastica nella ordinarietà della vita quotidiana, per restituire dignità e poesia agli oggetti domestici, in un mondo sempre più materiale.
La città lagunare entra nei quadri di Carlo con discrezione, è la bricola, il faro del Cavallino, meglio ancora il paesaggio industriale dei cantieri navali e delle fabbriche di Porto Marghera, per creare un rapporto simpatetico con le gru, le cisterne, le ciminiere che contornano case, chiese e palazzi. Grande viaggiatore, nei suoi quadri si trovano altre connessioni liquide, le chiatte olandesi, i ponti del paesaggio mentale di Van Gogh. La ricerca cromatica si dispiega poi in forma di ombrelli, biciclette, semafori, zucche e mollette.

Egli predilige gli oggetti alle persone, ma fa dell’oca un personaggio in carne ed ossa. La dimensione ludica racchiude il senso dell’arte di Carlo Preti, sintetizzata nel titolo di una fortunata mostra "Silenzio, si gioca". Qui a Mirano si continua a giocare all’oca nel segno di Carlo, per pensare e divertirsi. L’indicazione che riceviamo è guardare alle cose anche sgraziate della vita trovando in loro un colore di bellezza.


Tiziana Agostini

Assessora alle Attività Culturali del Comune di Venezia




Torna indietro alla pagina precedente - (Altri giochi - Il crollo del Campanile di Venezia) Vai su all'inizio della pagina Vai avanti alla pagina successiva - (Altri giochi - Il Gioco dell'Oca da Venezia... nel Mondo)



   Altri giochi    Mostra dei giochi dell'oca    Mostra "Carlo Preti & l'oca"   
   Sogni di Seta – la moda della Belle Epoque    Il Tabarro in mostra    Saluti da Mirano   
   Il crollo del Campanile di Venezia    gioOCHErellando con il mondo di Carlo Preti   
   Il Gioco dell'Oca da Venezia... nel Mondo   

Vai alla mappa del sito

© 2001-2017 & photo by Proloco Mirano
graphics & design by Carlo Preti
privacy