Home Page
Il Gioco dell'Oca di Mirano | San Martino e la Festa dell'Oca | Il Grande Gioco dell'Oca in Piazza
Programma 2017 | Edizioni precedenti | Fiera de l'Oca del '900 | Mirano | Pro Loco Mirano
Altre Manifestazioni | Altri giochi | Ospitalità & Ristoranti | Informazioni & Foto | Ricerca | Mappa
   La Storia    L'epoca e la Piazza    Le Squadre    Il Regolamento    Le Frazioni di Mirano   

Le Frazioni di Mirano

Ballò

da "Ballodium" luogo fortificato o armigero. Chiesa arcipretale dedicata a S. Bartolomeo, originariamente del secolo XVIII ma poi profondamente rimaneggiata. Sagra della Madonna del Carmine il 16 luglio. Corsi d'acqua: il Volpino e il Cognaro. Stazione del treno Dolo - Mirano.


Campocroce

da "Campo crux" incrocio di strade. Chiesa parrocchiale dedicata a S.Andrea, costruita nelle seconda metà dell'Ottocento conserva una pala del primo Ottocento "La sacra famiglia " di Giannandrea Rusteghello. Sagra di S. Rocco il 16 agosto. Corsi d'acqua: il Lusore ed il Caltana.


Scaltenigo

da "Sculptus vicus" borgo di zona incolta. La chiesa arcipretale dedicata ai SS. Pietro e Paolo, edificio trecentesco di forme gotiche con un bel protiro, è accompagnata da uno slanciato campanile coevo. All'interno la pala dell'altare maggiore di scuola veneziana del Cinquecento attribuita al padovano Damiano Mazza. Belle sculture marmoree di Antonio Gai (Venezia 1686 - 1769). Nella Sacrestia si conserva una icona greca trecentesca con Madonna. Sagra di SS. Pietro e Paolo il 29 giugno. Corsi d'acqua: il Caltressa, il Cognaro e il Lusore.
Detto popolare: "Scaltenigo no me ne intrigo" traduzione: gli abitanti di Scaltenigo non mettono il naso negli affari degli altri.

Vetrego

da "Vitricum" villaggio di contadini. Chiesa parrocchiale dedicata a S.Silvestro. Sagra di S.Silvestro il 2 giugno. Corsi d'acqua: il Pionca, il Volpin, il Sezenego e il Comuna. Detto popolare: "Vetrego o me bruso o me nego" traduzione: o mi brucio o mi annego. Riferito al clima caldo e arido d'estate, molto piovoso d'inverno.



Zianigo

da "Julius vicus" borgo di Giulio. Chiesa arcipretale dedicata alla Natività di Maria, costruita alla fine del Quattrocento, fu trasformata completamente nel Settecento e decorata con affreschi di Giandomenico Tiepolo. Notevole il tozzo campanile in origine torre medioevale a canna quadrata usata come posto di osservazione militare. Sagra della Natività della Madonna l'8 settembre. Corsi d'acqua: il Muson, il Rio e la Balzana.



Torna indietro alla pagina precedente - (Il Grande Gioco dell'Oca in Piazza - Il Regolamento) Vai su all'inizio della pagina Vai avanti alla pagina successiva - (Programma 2017 - Programma 2017)



   La Storia    L'epoca e la Piazza    Le Squadre    Il Regolamento    Le Frazioni di Mirano   

Vai alla mappa del sito

© 2001-2017 & photo by Proloco Mirano
graphics & design by Carlo Preti
privacy